NON ME LO POSSO PERMETTERE

By  |  0 Comments

 

Qualcuno, pare, abbia storto il naso per il nostro post relativo alla cena organizzata da “Briatico nel Mondo” a Pizzo Calabro. Ed è giusto rispondere a chi pensa che ci siano logiche disfattiste, o peggio ancora di invidia, dietro una legittima critica espressa da Briatico 2.0.

L’idea, almeno in premessa, sarebbe stata quella di organizzare dai sodali dell’associazione una “cena-incontro”. Un modo sicuramente bello e simpatico di stare insieme, parlarsi, conoscersi meglio, far nascere idee tese al miglioramento di Briatico.

Ora, già il fatto di organizzare fuori paese un incontro (con 9 ristoranti nel Comune) rende in parte meno interessante il principio stesso dell’iniziativa, per una serie innumerevole di questioni, fra tutte quella di non voler mettere il paese al centro delle attenzioni della serata, ma i partecipanti.

Dare un prezzo, poi, all’evento rende ancor meno interessante il principio stesso dell’iniziativa. Perchè? Perchè almeno l’80 per cento della popolazione non può permettersi di pagare 35 euro a testa. Quindi fare una sorta di selezione all’ingresso dei partecipanti svilisce in ogni senso il principio stesso dell’iniziativa, cioè fare una cena per incontrarsi. No, qui nessuno vuole incontrare nessuno, o meglio ci si vuole incontrare partendo da una cifra, da – appunto – un prezzo. Che non tutti si possono permettere di pagare.

La storia è semplice, senza stare qui a fare i preziosi: ognuno è legittimato a fare cene, pranzi, feste, incontri e tomboloni dove meglio crede, a qualunque prezzo, con qualsivoglia obiettivo. Il discorso è il solito tra inclusivi ed esclusivi.

Si abbia però il coraggio di dire che, in fondo, di Briatico e dei briaticesi di tutti i giorni (che saranno pure delle persone strane, ma rimangono pur sempre persone innamorate del proprio paese) non frega niente a nessuno e che lo spirito che regola certi tipi di incontri è solo quello di cantarsela e suonarsela tra amici di vecchia data, continuando a dirsi per le 700millesima volta che “quando c’era la Squalo33 c’era gente”, che “negli anni 80 alla marina c’era la discoteca”, che “una volta la piazza era piena di turisti” ecc ecc…

Il nostro titolo estivo è: non c’erano soldi, ma tanta speranza.
Il loro titolo estivo è: c’erano soldi (e pesce fresco), ma poca sostanza.

‪#‎buonritornoalNord‬

 

Commenti

Commenti