TERREMOTO 1783 | IL RICORDO

By  |  0 Comments

Al meridione, alla Calabria, ai Briaticesi tutti.

La successione delle violentissime scosse avvenute tra il 5 febbraio e il 28 marzo 1783, caratterizzata da una migrazione degli epicentri lungo la catena appenninica in direzione nord-est, diede luogo ad ampie aree di sovrapposizione degli effetti distruttivi. Questo lungo e devastante periodo sismico rappresentò un momento epocale per la vita economica, sociale e culturale della Calabria e di Messina. Il quadro cumulativo dei danni è vastissimo e di una gravità straordinaria: gli effetti distruttivi, accompagnati da estesi sconvolgimenti degli assetti dei suoli e del sistema idrogeologico, interessarono una vasta area comprendente tutta la Calabria meridionale, dall’istmo di Marcellinara allo Stretto, e in Sicilia, Messina con il suo circondario.
In 182 paesi le distruzioni furono pressoché totali; 33 di questi dovevano essere ricostruiti in siti diversi.
Le vittime furono circa 35.170.
(fonte http://goo.gl/Mm81er)

briatico

Commenti

Commenti